image description
image description
image description

La plastica ci fa bene o male ?

  • 2629
  • 23
  • 2
image description

E’ pressoché impossibile immaginare la vita moderna senza la plastica. Si può trovare questo materiale innovativo praticamente in tutto ciò che tocchiamo e che usiamo quotidianamente. Ciononostante, alcuni tipi di plastica hanno acquisito una cattiva reputazione e da parte di tanti cresce la preoccupazione sulla sicurezza dei prodotti di plastica per la salute. Per esempio, è possibile che le confezioni di plastica contaminino gli alimenti ? La plastica è sicura per un uso nel forno a micro-onde ? E’ sicuro mettere una bottiglia di plastica nel congelatore ? I biberon possono liberare prodotti chimici nocivi per i bebé ? La verità è che la plastica è, in genere, sicura quando la si usa per il fine a cui essa è stata destinata. Vediamo alcuni fatti relativi alla plastica.

La legislazione sulla plastica è molto severa

Molta della plastica impiegata oggi contiene composti chimici e additivi impiegati perché siano di ausilio nel miglioramento della prestazione del prodotto. Prima che li si possano usare tuttavia questi composti chimici devono essere conformi a linee guida molto severe. Per esempio, un qualsivoglia produttore di composti chimici, da ovunque nel mondo provenga, che volesse introdurre una nuova sostanza in un mercato europeo – da sola, come parte di una miscela o in un prodotto di plastica – deve compilare un dossier REACH su tale sostanza e consegnarlo alla Associazione Chimica Europea ECHA. Il REACH è il Regolamento della Comunità Europea sui composti chimici e su un uso sicuro di questi (EG 1907/2006) e sta per Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Limitazioni sulle sostanze Chimiche. Quindi, prima di permettere l’introduzione di qualsivoglia materiale plastico nel mercato Europeo, esso deve essere conforme alla severa legislazione REACH. In più, secondo questa legislazione, qualsiasi composto chimico attualmente in uso dovrà essere sostituito da composti alternativi meno nocivi per l’ambiente nel caso questi divengano disponibili. Il REACH funziona in questo modo per proteggere la nostra salute e l’ambiente.

Regole ancora più severe sono in vigore per le applicazioni alimentari

image description

L’ Autorità Europea per la sicurezza alimentare (EFSA) fu istituita nel 2002 perché valutasse i dossier tossicologici di tutte le sostanze impiegate negli alimenti e nella confezione di questi, attraverso la valutazione dei rischi, e affinchè fornisse consulenza scientifica indipendente in base alle informazioni e alle conoscenze scientifiche più recenti. Il compito dell’EFSA è quello di fare aumentare la sicurezza degli alimenti e di garantire un alto livello di protezione dei consumatori. Questo vale non solo per la plastica, ma anche per tutti gli ingredienti alimentari. Tutti i prodotti in plastica impiegati per applicazioni alimentari devono essere conformi agli standard più severi dell’EFSA. L’ industria della plastica fornisce anche molte informazioni relative a eventuali domande sulle proprietà della plastica e su un uso sicuro di questa.

La plastica porta l’acqua potabile nelle nostre case in maniera sicura

La plastica svolge un ruolo importante nel trasporto e nella distribuzione della nostra acqua potabile. Per questa applicazione tutte le condotte per l’acqua, gli accessori e parti affini sono regolati severamente dalla legge e certificati da enti indipendenti e da istituti di collaudo come KIWA nei Paesi Bassi, TZW e HY in Germania e IPL e CARSO in Francia.

Quando viene trattata adeguatamente la plastica è sicura

image description

Indubbiamente la plastica e le sostanze che questa contiene sono fra i prodotti più analizzati e controllati in Europa. Le regole severe imposte da REACH, da EFSA e dai Ministeri della Salute, dell’Ambiente e dell’Edilizia e Costruzioni garantiscono che l’eventuale rischio per la salute legato alla plastica risulti ridotto al minimo. E’ molto importante che si continui indefessi a investire nella ricerca e in regolamenti perfino più severi, anche per tenere i consumatori informati su risultati e alternative. La plastica è sempre destinata specificamente a una particolare applicazione e non la si dovrebbe mai impiegare in applicazioni alle quali non se ne è confermata l’idoneità. Potrebbe sembrare una cosa superflua da dire ma con la plastica non si devono fare esperimenti. Dovreste sempre leggere le istruzioni del prodotto che vi diranno come impiegarla e smaltirla in sicurezza. Allora potrete trarre beneficio dalla comodità e dalla praticità della plastica !

Non dimentichiamo che la plastica può salvare la vita !

La sanità di oggi sarebbe impossibile senza i prodotti plastici impiegati nelle applicazioni mediche: siringhe monouso, buste per il sangue intravenoso e valvole cardiache ne sono solo alcuni esempi. La confezione in plastica è particolarmente adatta alle applicazioni mediche grazie alle sue eccezionali proprietà di barriera, al peso leggero, al basso costo, alla durevolezza, alla trasparenza e alla compatibilità di questa con altri materiali, tutte caratteristiche severamente regolate dalla Farmacopea Europea e dalla Agenzia Europea per i Medicinali (EMEA). La plastica rende la sanità più accessibile a TUTTI ovunque nel mondo. Finiamo con un meraviglioso esempio di come la plastica sia divenuta letteralmente un’àncora di salvezza: il 9 Giugno 2011 un paziente cardiaco nel Regno Unito ricevette un cuore artificiale fatto di plastica. Questo cuore pre-trapianto è destinato a mantenere il paziente in vita fino a quando non si trova un organo adatto. Indubbiamente questa tecnica di successo continuerà a salvare vite con l’aumentare del numero di persone che traggono beneficio dal sottoporsi a operazioni simili in tutto il mondo.

Citazioni

NA.